Come l’Alzheimer influisce sul cervello

L'Alzheimer è una malattia neurodegenerativa caratterizzata da perdita di memoria immediata e vari disturbi comportamentali. Questa malattia è terminale e non ha cura e durante il periodo di tempo in cui provoca il suo effetto, si possono osservare diversi deterioramenti sul cervello a seconda dello stadio di sviluppo della malattia. Se vuoi sapere come l'Alzheimer colpisce il cervello e quali sono le fasi del suo sviluppo, continua a leggere il seguente articolo su questo sito per saperne di più su questa malattia.

Potrebbe interessarti anche: Qual è il trattamento dell'indice di Alzheimer

  1. Cause del morbo di Alzheimer
  2. Alzheimer in fase iniziale
  3. Alzheimer in fase intermedia
  4. stadio avanzato di Alzheimer
  5. Aspettativa di vita di un malato di Alzheimer

Cause del morbo di Alzheimer

La reale portata delle cause di questa malattia è attualmente sconosciuta , ma ad oggi ne è stato rilevato un gran numero. Tra questi fattori di rischio, i più importanti sono: l'età e la storia familiare.

L'età, un fattore di rischio per l'Alzheimer

L'età è un fattore di rischio evidente, soprattutto per le persone di età superiore ai 65 anni, con chiunque a questa età ha una probabilità del 10% di contrarre questa malattia e nelle persone di età superiore agli 85 anni, il rischio sale a quasi il 50%. Nonostante gli studi, ci sono stati casi in cui la malattia è stata contratta da persone più giovani.

Si ritiene che un altro fattore che potrebbe favorire l'insorgenza dell'Alzheimer in età avanzata sia il livello di istruzione del paziente. Alcuni studi hanno associato il livello di istruzione delle persone a questa malattia, le persone con un'elevata capacità di esprimersi attraverso la scrittura durante i loro anni avanzati, hanno meno probabilità di sviluppare la demenza.

storia famigliare

L'altra causa principale dell'Alzheimer è la storia familiare, quindi chiunque i cui genitori o nonni abbiano avuto la demenza è a maggior rischio di sviluppare questa malattia. Essere consapevoli della storia familiare consente una diagnosi precoce della malattia, offrendo la possibilità di iniziare trattamenti precoci e di poter fornire un futuro migliore al paziente. In questo altro articolo su questo sito web rispondiamo alla tua domanda se l'Alzheimer è ereditario .

Un'altra causa di questa malattia è l'aver ereditato geneticamente il genotipo dell'apolipoproteina E. Questo caso può produrre due effetti opposti. Da un lato, ereditare il gene di tipo 4 aumenta il rischio di contrarre l'Alzheimer, ma dall'altro, ereditare il gene di tipo 2 crea una protezione contro il contrarre la malattia.

Biologicamente, si pensa che la malattia sia associata a livelli ridotti di acetilcolina nel cervello . Questa sostanza è un neurotrasmettitore responsabile dell'invio di segnali da un neurone all'altro, essendo di grande importanza nei processi di apprendimento e memoria. Diminuendo i livelli di acetilcolina, si ritiene che possa verificarsi l'insorgenza del morbo di Alzheimer.

Altri possibili fattori che sono stati individuati come cause di questa malattia sono: soffrire di ipertensione, fumare, soffrire di diabete, ipercolesterolemia. Tutte queste malattie sono in grado di causare lesioni vascolari nel cervello, che possono degenerare le funzioni cerebrali causando l'Alzheimer.

Alzheimer in fase iniziale

Per sapere come l'Alzheimer colpisce il cervello, dobbiamo guardare le fasi della malattia. I cambiamenti che si verificano durante le malattie degenerative del cervello, come l'Alzheimer, sono solitamente differenziati per fasi.

Durante la fase iniziale possono verificarsi lievi alterazioni del cervello che causano alcuni problemi di memoria , come ad esempio: bisogno di aiuto per trovare le chiavi, non riuscire a ricordare il nome di un amico, perdersi in luoghi familiari, cambiamenti nell'umorismo, fare frasi più brevi di idee normali o miste non correlate al dire qualcosa.

Tutti i problemi di memoria causati durante la fase iniziale dell'Alzheimer non si verificano sempre in un ordine specifico e ognuna di queste situazioni può verificarsi isolatamente. Durante questa prima fase, il paziente continua a ragionare adeguatamente.

In questo altro articolo vi raccontiamo come inizia l'Alzheimer .

Alzheimer in fase intermedia

Durante questa seconda fase dell'Alzheimer , nel cervello si verificano cambiamenti molto più evidenti, poiché le aree del cervello responsabili del linguaggio iniziano a essere colpite, il paziente affetto dalla malattia inizia a ripetere frasi, non finisce quello che stava dicendo , presenta Difficoltà a mettere in relazione o differenziare concetti quando si esprimono.

È in questa fase che si verificano cambiamenti di personalità molto più evidenti, che richiedono una supervisione quotidiana per qualsiasi attività e hanno bisogno di aiuto per svolgere attività quotidiane come vestirsi, lavarsi, preparare il cibo, mangiare o usare il bagno.

Anche durante la fase intermedia dell'Alzheimer , l'equilibrio è compromesso , con il paziente che soffre di cadute e ha bisogno di aiuto per camminare, a dimostrazione che in questo periodo è stato colpito il cervelletto che, all'interno del sistema nervoso centrale, è responsabile dell'equilibrio e coordinamento della mobilità.

stadio avanzato di Alzheimer

Il morbo di Alzheimer colpisce definitivamente il cervello durante l'ultima fase, in quanto questo è il momento in cui la malattia si è sviluppata al massimo e sono stati arrecati gravi danni alle funzioni cerebrali, presentando gravi problemi. Le loro capacità motorie sono fortemente influenzate durante questa fase, non essendo in grado di camminare o camminando con grande difficoltà. Non possono controllare i propri gesti e hanno bisogno di aiuto per svolgere qualsiasi tipo di compito , come pulirsi o mangiare, oltre a perdere completamente il controllo della vescica e dell'intestino.

La memoria dei pazienti in questa fase è completamente compromessa, perdendo la memoria a breve ea lungo termine, non possono riconoscere i propri figli, partner o parenti o amici.

L' area del cervello preposta alla parola è influenzata in modo tale da poter perdere la capacità di parlare completamente o in altri casi fare chiacchiere senza senso. La corteccia prefrontale del cervello è degenerata in modo tale che le persone con Alzheimer presenti comportamenti irregolari, urlando senza motivo, piangendo senza motivo e cambiamenti improvvisi nel loro comportamento, essendo molto disinibiti o addirittura aggressivi in ​​alcune occasioni.

In questo periodo aumentano i rischi di contrarre infezioni, derivanti da problemi di alimentazione, disidratazione o lesioni causate dall'immobilizzazione, essendo queste molte volte le cause di morte dei malati di Alzheimer.

Aspettativa di vita di un malato di Alzheimer

L'aspettativa di vita dei pazienti con Alzheimer varia a seconda di ogni persona, ma la media è generalmente compresa tra 8 e 10 anni dalla sua diagnosi, sebbene le ragioni di queste differenze non siano attualmente note, poiché ci sono stati casi di persone che sono sopravvissute fino a 20 anni che soffrono di questa malattia degenerativa.

Questo articolo è puramente informativo, in oneHOWTO non abbiamo il potere di prescrivere alcun trattamento medico o fare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo a rivolgerti a un medico nel caso in cui si presenti qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come l'Alzheimer colpisce il cervello , ti consigliamo di visitare la nostra categoria Malattie ed effetti secondari.

Related Stories

Llegir més:

Come trattare la malattia di Crohn con integratori naturali

Un modo semplice per curare il morbo di Crohn è con integratori naturali....

Come trattare la dispnea – 7 passaggi

La dispnea è intesa come mancanza di respiro o sensazione di mancanza di respiro....

Come trattare la diarrea del viaggiatore – 6 passaggi

Tra il 40 e il 60% delle persone che si recano nei paesi...

Come trattare la diarrea

Nel corso della nostra vita, abbiamo tutti sofferto di diarrea in una o più...

Come trattare la guarigione del colon – 6 passi

Se si soffre di sindrome dell'intestino irritabile (IBS), inclusa la colite ulcerosa, il...