Come vivere con una persona con l’HIV

Innanzitutto è bene sapere che l'HIV (Human Immunodeficiency Virus) non è la stessa cosa dell'AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome), anche se è vero che quest'ultimo è sviluppato da persone che hanno avuto una o più infezioni legate all'HIV o il suo sistema immunitario è stato colpito dal virus. Tuttavia, oggi sia l'HIV che l'AIDS non sono una condanna a morte come una volta e le persone con HIV possono condurre una vita del tutto normale tranne che per i farmaci che dovranno assumere. È vero, però, che convivere con queste persone comporta una serie di accorgimenti, soprattutto igienici, di cui bisogna tenere conto per non contagiarsi. In questo articolo di OneHOWTO ti diciamo come convivere con una persona sieropositiva e quali misure igieniche e precauzionali devono essere prese in considerazione.

Potrebbe interessarti anche: Puoi vivere con l'AIDS per tutta la vita? Indice

  1. Come si diffonde l'HIV
  2. Come NON si diffonde l'HIV
  3. Precauzioni da tenere in considerazione a casa
  4. Precauzioni nella coppia se c'è l'HIV
  5. piano emotivo

Come si diffonde l'HIV

Innanzitutto bisogna tener conto di come sia possibile che questa malattia si diffonda e di come non lo sia, e chiarire tutti i dubbi e le confusioni che esistono al riguardo. Si pensa che convivere con una persona sieropositiva significhi contagiarsi subito e non è così, infatti bisogna prestare alcune cure, ma non tutto è contagioso e, infatti, la maggior parte delle azioni quotidiane e della vita quotidiana sono del tutto normali e privi di contagio. Non c'è bisogno di aver paura del malato con l'HIV, anche se è necessario rispettare le precauzioni e le misure igieniche per evitare la diffusione dell'HIV.

L'HIV si diffonde attraverso tre vie

  • percorso sessuale
  • via del sangue
  • Dalle madri ai figli

I liquidi o liquidi che possono infettare un'altra persona sono: sangue, sperma, secrezioni rettali, secrezioni vaginali e latte materno. Altri fluidi come il liquido preseminale e la saliva sono considerati potenzialmente contagiosi, vale a dire che c'è una probabilità che si diffondano, ma è stato dimostrato che la quantità di virus depositata in questi fluidi è molto bassa e, quindi, il virus si verifica raramente il contagio attraverso di loro.

Perché ci sia un contagio, uno qualsiasi di questi liquidi deve entrare in contatto con le membrane mucose (che si trovano nella vagina, nel pene, nel retto o nella bocca) o con i tessuti danneggiati dell'altra persona, o entrare direttamente nel sangue. .

Ecco perché devono essere prese precauzioni nei rapporti sessuali di ogni tipo o quando ci sono piaghe o ferite che possono sanguinare.

Come NON si diffonde l'HIV

Come abbiamo visto, contrariamente alla credenza popolare, non tutte le attività quotidiane o quotidiane con una persona sieropositiva sono suscettibili di contagio. In effetti, anche le azioni che pensiamo siano, come starnuti, non sono contagiose. Vediamo alcuni dei modi in cui l'HIV non si diffonde :

  • Non si diffonde attraverso la saliva, quindi se la persona infetta starnutisce a meno che non ci sia sangue, non ci sarà contagio e lo stesso accade con la tosse. Puoi baciare con calma una persona infetta da HIV o condividere vestiti e oggetti, inclusi cibo o bevande.
  • Il contagio non può avvenire dagli animali alle persone o viceversa, quindi una persona infetta che è stata in contatto con un animale non potrà infettarlo e l'animale non sarà in grado di diffondere la malattia.
  • Saliva, sudore, urina, feci o lacrime. Se una persona con l'HIV va in bagno, non dovresti preoccuparti di usare lo stesso bagno, non ci sarà contagio da urinare o defecare nello stesso posto. Anche se c'è qualche avanzo. Allo stesso modo il sudore o le lacrime non sono portatori della malattia.
  • L'HIV può vivere solo nelle cellule umane e non negli animali come abbiamo visto. La stessa cosa accade negli insetti. Se una zanzara punge una persona infetta, non significa che diffonderà il virus ad altre persone che punge. A differenza di altre malattie come la malaria che si riproducono nel corpo della zanzara, l'HIV no.
  • Se doni il sangue, non dovresti preoccuparti del materiale utilizzato, come gli aghi, poiché tutto è adeguatamente sterilizzato.
  • Le piscine non sono un luogo di contagio e quindi puoi tranquillamente fare il bagno con una persona sieropositiva.

Precauzioni da tenere in considerazione a casa

Ci sono situazioni in cui è necessario adottare misure estreme . Ad esempio, se la persona interessata si rade o si depila con una lama, è importante che la lama venga utilizzata solo da quella persona e che debba essere adeguatamente pulita dopo l'uso. Si consiglia di utilizzare lame monouso.

Quando si verifica un taglio o una ferita, ad esempio in cucina, è importante lavare accuratamente tutte le tracce di sangue eventualmente rimaste. È vero che il fluido per essere contagioso deve entrare in contatto con una ferita dell'altra persona o con le mucose, ma è consigliabile prendere delle precauzioni.

Come abbiamo visto, puoi condividere vestiti e altri oggetti come stoviglie, bicchieri, posate, ecc. e puoi anche condividere oggetti di uso quotidiano come il telecomando della televisione o il gabinetto. Le precauzioni dovrebbero essere prese solo quando la persona con HIV ha una piaga o una ferita in bocca .

La convivenza dovrebbe essere normale , bisogna solo stare più attenti quando c'è la possibilità o la presenza di sangue o qualche fluido (come sperma o perdite vaginali) che possono entrare in contatto.

Precauzioni nella coppia se c'è l'HIV

Come abbiamo visto, puoi baciare la tua partner normalmente, abbracciarla e stare con quella persona. Tuttavia, nei rapporti sessuali , è necessario prestare estrema cautela perché lo sperma o le secrezioni vaginali diffondono la malattia e i rapporti sessuali di qualsiasi tipo provocano il contatto dei fluidi con le mucose.

Ogni volta che fai sesso con il tuo partner, usa un preservativo , sia vaginale, anale o orale. Con l'evoluzione delle conoscenze sulla malattia e i progressi, sono stati creati anticorpi contro la malattia e, quindi, è possibile avere figli naturalmente in coppie in cui uno dei due è infetto da HIV.

piano emotivo

Il livello emotivo è molto importante quando si vive con una persona sieropositiva . Non c'è bisogno di aver paura di queste persone, tanto meno di starne alla larga, come alcuni pensano per il rischio di contagio. È vero che, come abbiamo visto, bisogna seguire una serie di precauzioni e misure preventive, ma non bisogna trattare queste persone come diverse.

Le persone affette da HIV spesso si sentono sfollate dalla società ed è difficile accettare una malattia come questa in cui, nonostante ci sia stata molta evoluzione, oggi crea ancora un certo rifiuto. Ecco perché è importante che tu continui a trattare la persona infetta come sempre , con lo stesso affetto e rispetto con cui tratti altre persone o che tratteresti questa persona se non avesse l'infezione. Né dovrebbero avere un trattamento speciale ma semplicemente lo stesso, poiché sono sempre le stesse persone solo che hanno una malattia contagiosa in determinati momenti.

Questo articolo è puramente informativo, in oneHOWTO non abbiamo il potere di prescrivere alcun trattamento medico o fare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo a rivolgerti a un medico nel caso in cui si presenti qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come vivere con una persona con HIV , ti consigliamo di visitare la nostra categoria Malattie ed effetti secondari.

Related Stories

Llegir més:

Come trattare la malattia di Crohn con integratori naturali

Un modo semplice per curare il morbo di Crohn è con integratori naturali....

Come trattare la dispnea – 7 passaggi

La dispnea è intesa come mancanza di respiro o sensazione di mancanza di respiro....

Come trattare la diarrea del viaggiatore – 6 passaggi

Tra il 40 e il 60% delle persone che si recano nei paesi...

Come trattare la diarrea

Nel corso della nostra vita, abbiamo tutti sofferto di diarrea in una o più...

Come trattare la guarigione del colon – 6 passi

Se si soffre di sindrome dell'intestino irritabile (IBS), inclusa la colite ulcerosa, il...