Perché una cicatrice – tutte le ragioni

In un gran numero di occasioni il nostro corpo mostra piccole reazioni che possono essere una preoccupazione per la nostra quotidianità. Sebbene ci causino un disagio che praticamente non ci condiziona nella nostra routine, possono suscitare in noi curiosità, oltre a creare ad un certo punto anche una certa ossessione dovuta al fatto che non sappiamo il motivo per cui si verificano, il che può portare farci pensare che possono causarci un problema di salute più grave, anche se non lo sono.

Uno degli esempi più chiari è il prurito di una cicatrice. La maggior parte di noi ha uno di questi piccoli segni in qualche zona del nostro corpo e, a volte, nonostante il tessuto sia già guarito molto tempo fa, può causarci qualche disagio. Ma sai perché si verifica questo fenomeno? È legato ai cambiamenti del tempo, come sostengono alcuni esperti? In OneHOWTO sveliamo questi dubbi e rispondiamo alla tua domanda sul perché una cicatrice prude .

Potrebbe interessarti anche: Perché la mia pelle prude dopo la doccia Indice

  1. Perché una cicatrice prude – ecco la risposta
  2. Cicatrice cheloide o ipertrofica
  3. Le cicatrici e il tempo
  4. Come sapere se una ferita sta guarendo bene
  5. Rimedi casalinghi per alleviare il prurito da una cicatrice

Perché una cicatrice prude – ecco la risposta

Di recente hai subito un infortunio o un intervento chirurgico e il tessuto sembra essere chiuso e guarito, ma senti ancora una sensazione di prurito, che può essere da lieve a intenso e che può causarti qualche preoccupazione. Perché lo senti?

Ha una spiegazione semplice che è strettamente correlata al nostro sistema immunitario. Un tipo di cellule che appartengono alla parte del nostro organismo di difesa chiamate mastociti sono coinvolte nel processo di guarigione delle ferite che si verificano nel nostro corpo. Quando raggiungono l'area in cui si trova la ferita, rilasciano tutto il loro contenuto. Ciò significa che tutto il citoplasma che contengono (che è il liquido che riempie tutte le cellule all'interno, anche se il contenuto varia a seconda del tipo) esce nel nostro flusso sanguigno.

Nel loro citoplasma, i mastociti hanno piccole vescicole (tasche) piene di istamina. Questa sostanza genera una reazione mediante la quale i capillari si dilatano, in modo che più sangue raggiunga l'area e quindi il processo di guarigione termini il prima possibile. Questo provoca infiammazione intorno alla ferita e quella sensazione di prurito . In molte occasioni lo conserviamo nel tempo perché quando ci graffiamo non permettiamo che guarisca correttamente e il processo si prolunga.

Cicatrice cheloide o ipertrofica

Le cicatrici cheloidi si formano a causa di un eccesso di produzione di collagene , cicatrici eccessivamente all'esterno e dando l'aspetto di una cicatrice dura e rigonfia. Questo tipo di cicatrice di per sé di solito produce molto prurito, e può anche sembrare che abbiamo una ferita che prude e non guarisce , poiché la cicatrice di solito ha un aspetto rosa o viola, come se fosse una ferita mal rimarginata.

A differenza dei cheloidi, le cicatrici ipertrofiche, che sono molto simili, compaiono subito dopo una lesione, chiudendosi prematuramente , il che significa che il processo di guarigione della ferita interna è più lento di quello esterno, producendo una cicatrice rialzata e infiammata, anch'essa di aspetto rosa.

Sia i cheloidi che quelli ipertrofici di solito generano un bel po' di prurito , anche dopo la loro corretta guarigione. Se questo è il tuo caso, potresti essere interessato anche a questo altro articolo di OneHOWTO sui rimedi casalinghi per le cicatrici cheloidi.

Le cicatrici e il tempo

Hai mai sentito qualcuno dire che cambierà il tempo perché ha una sensazione di prurito in una cicatrice? O di solito hai tu stesso quel prurito quando ci sono variazioni del tempo? Può sembrare un mito, ma non lo è. Se senti disagio nella cicatrice, potrebbe avvisarti di cambiamenti nel tempo. Ma perché?

Spiegano i dermatologi. I cambiamenti di temperatura e pressione ambientale sono ciò che genera quel prurito. Quando, per variazioni nel tempo, si verificano aumenti di temperatura e pressione, si ha una dilatazione dei capillari (lo stesso effetto che provoca l'istamina, come abbiamo spiegato in precedenza), ecco perché compare quella sensazione di prurito.

È anche normale che tu possa percepire che si sta avvicinando un temporale o una pioggia, perché prima che si verifichi ci sono cambiamenti di pressione, quindi la tua cicatrice può causare disagio.

Come sapere se una ferita sta guarendo bene

A volte, la comparsa di alcune ferite può generare dubbi sulla loro corretta guarigione. Ma come fai a sapere se una ferita sta guarendo bene?

  • L'odore : Come regola generale, le ferite non dovrebbero produrre un odore, tanto meno un cattivo odore. Pertanto, se senti che la tua ferita ha un cattivo odore, potrebbe trattarsi di un'infezione, quindi ti consigliamo di andare immediatamente dal medico.
  • Gonfiore della pelle : un altro segno che la tua ferita non sta guarendo bene è se c'è gonfiore sia all'interno della ferita che un po' oltre. Naturalmente, non deve essere confuso con cheloidi o ferite ipertrofiche.
  • Colore della ferita – Quando la cicatrice ha una tonalità rossastra o strana, potrebbe essere un segno che non sta guarendo bene. In questi casi è consigliabile andare in farmacia o dal medico.

Se oltre a tutto questo hai la febbre, è un chiaro sintomo di infezione . È meglio quindi che tu vada dal tuo medico in modo che possa darti degli antibiotici.

Rimedi casalinghi per alleviare il prurito da una cicatrice

Come abbiamo spiegato prima, il prurito di una cicatrice è un effetto collaterale del processo di guarigione, ma questo durerà nel tempo se ci grattiamo continuamente cercando di alleviare o far cessare quel prurito. Ecco perché vi consigliamo di evitare di farlo, anche se prude, e se non è sopportabile, vi diamo alcuni rimedi per alleviare il disagio:

  • Aloe vera : questa pianta, oltre ad aiutarti ad attenuare la sensazione di prurito, aumenterà la velocità del processo di guarigione. Se hai la pianta in casa, prendi delle foglie e rimuovi il liquido dall'interno. Applicalo per alcuni minuti fino a quando non senti sollievo dal prurito. Quindi pulire la cicatrice. Se non hai l'aloe vera a casa, puoi prepararti un gel di aloe vera per ottenere lo stesso effetto.
  • Ghiaccio : è uno dei rimedi più comuni ed efficaci, basta prendere due cubetti di ghiaccio piccoli o medi, a seconda delle dimensioni della cicatrice, e avvolgerli in panni o garze e applicarli per qualche minuto. Ricorda, non applicare mai il ghiaccio direttamente sulla pelle perché può causare ustioni.
  • Camomilla : questa erba agisce riducendo la sensazione di prurito e infiammazione. Fai un infuso e quando lo hai, immergi un batuffolo di cotone o una garza e applicalo sulla cicatrice fino a quando non senti sollievo. Quindi pulire la cicatrice.

Ora che sai perché una cicatrice prude, potresti anche essere interessato a questo altro articolo di OneHOWTO su Come nascondere le cicatrici.

Questo articolo è puramente informativo, in oneHOWTO non abbiamo il potere di prescrivere alcun trattamento medico o fare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo a rivolgerti a un medico nel caso in cui si presenti qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Perché fa prurito alla cicatrice , ti consigliamo di visitare la nostra categoria Malattie ed effetti secondari.

Related Stories

Llegir més:

Come trattare la malattia di Crohn con integratori naturali

Un modo semplice per curare il morbo di Crohn è con integratori naturali....

Come trattare la dispnea – 7 passaggi

La dispnea è intesa come mancanza di respiro o sensazione di mancanza di respiro....

Come trattare la diarrea del viaggiatore – 6 passaggi

Tra il 40 e il 60% delle persone che si recano nei paesi...

Come trattare la diarrea

Nel corso della nostra vita, abbiamo tutti sofferto di diarrea in una o più...

Come trattare la guarigione del colon – 6 passi

Se si soffre di sindrome dell'intestino irritabile (IBS), inclusa la colite ulcerosa, il...